world wide cargo container transport concept in yellow tone colour with truck and van air plane on globe 3d rendering

Raccomandazioni per bravi importatori

Si dice che la globalizzazione abbia accorciato le distanze, ed è vero: a qualsiasi azienda basta un sito internet per avere una vetrina in tutto il mondo – anche dall’altra parte del mondo – solo che poi le merci bisogna farle arrivare a destinazione.
Rivolgetevi a un bravo spedizioniere, che possa rispondere alle vostre domande e farvi le domande giuste.
Il nostro indirizzo email è sistema@sistemaspedizioni.com, e siamo sempre aperti.
Ascoltate il vostro spedizioniere come ascoltereste una guida spirituale, non nascondetegli nulla e lasciatevi consigliare: è il nostro lavoro.

Il punto di partenza per organizzare una importazione è conoscere il termine di resa INCOTERM ICC 2020 della spedizione. Noi ne parliamo po’ più approfonditamente [qui]. Cercate sempre di farvi carico della spedizione se potete, e fateci sapere che INCOTERM e che indirizzo di ritiro o luogo di presa in carico della merce avete concordato con il vostro fornitore.

Poi saranno necessari i dettagli della merce, che dovranno essere comunicati dal mittente: numero colli, dimensioni e pesi di ogni collo, tipo di imballaggio.
Salvo diversi accordi, per gli INCOTERM ICC 2020 l’imballaggio della merce è sempre a carico del mittente. Ricordate che, per convenzione, l’ultima delle tre dimensioni indicate riguarda sempre l’altezza. Non dimenticate le unità di misura.

Sono insomma valide tutte le raccomandazioni che abbiamo suggerito ai [bravi esportatori], chiaramente ribaltate specularmente. Saranno necessarie le indicazioni sulle tempistiche richieste e sulle possibili variabili di cui tenere conto durante la spedizione, sia riguardo alle specifiche della merce sia riguardo ai luoghi e alla movimentazione. Se si tratta di merci pericolose potreste essere interessati alle nostre riflessioni, [qui].

Oltre a questo le importazioni hanno un tema importantissimo, che riguarda la definizione della tipologia di merce e il suo codice doganale, o HS code (Harmonized System Code – codice armonizzato della merce): ne deriveranno i dazi e i diritti doganali che la dogana vi chiederà per nazionalizzare la merce. Le differenze tra due codici, anche attigui, possono essere importanti, e sono influenzate anche dal Paese di origine.

Trovare la soluzione migliore e pianificare correttamente una importazione può essere molto complesso. Nei casi più delicati suggeriamo caldamente di condurre uno studio, insieme a un doganalista esperto. Se siete in dubbio non esitate a chiamarci allo 0434 511023.

Ricapitolando:

  • Data di approntamento e data di consegna richiesta.
  • Numero colli, dimensioni e pesi di ogni collo, dettagli merce e particolarità.
  • INCOTERM ICC 2020 e luogo di carico e di consegna e particolarità.
  • Descrizione dettagliata della merce da importare e/o codice doganale HS code.

Facile!